Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile) - Pagina 3
Pagina 3 di 17 PrimaPrima 123456713 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 169

Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)

  1. #21
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    461

    Predefinito

    Oggi su facebook, ad un cliente che chiedeva che si adeguassero alla delibera 121/17/CONS e riportassero la tariffazione su base mensile hanno risposto come nella foto...
    Mi pare tanto poco vero, per non dire falso


    Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)-delibera.jpg

  2. #22
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    461

    Predefinito

    ora si sono spiegati meglio, si sono adeguati cosi'

    Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)-image-upload-2017-07-13-15_26_23.jpg

  3. #23
    Partecipante Logorroico L'avatar di callfan
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Ferrara
    Messaggi
    2,802

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ciaodom Visualizza Messaggio
    ora si sono spiegati meglio, si sono adeguati cosi'

    Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)-image-upload-2017-07-13-15_26_23.jpg
    Cioè, si sono adeguati...non adeguandosi? Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)


    Sent from my iPhone using Tapatalk
    Vodafone Apple iPhone 7 Plus 128GB Jet Black con Special 10GB 10€
    Wind Tre Nokia 3310 2017 Dual SIM Blu con 3 FREE Unlimited Plus abb. 8GB

  4. #24
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    461

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da callfan Visualizza Messaggio
    Cioè, si sono adeguati...non adeguandosi? Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)


    Sent from my iPhone using Tapatalk
    mah, sempre molto chiari

  5. #25
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,002

    Exclamation Eppur si muove...

    Ultimissime: il Tar ha fissato l'udienza per il ricorso di Asstel a febbraio 2018 (campa cavallo, che i gestori intanto s'ingrassano...).


    Dalla telefonia alla Pay tv ignorato lo stop di Agcom sulle 13 bollette in un anno


    L’Autorità vuole la tariffazione mensile per telefoni fissi e Internet e a settembre deciderà su Sky. Ma le compagnie sperano nel Tar. Se il tribunale desse ragione all’organismo di controllo scatteranno sanzioni e risarcimenti


    di ALESSANDRO LONGO

    ROMA - Un mese in più di canone da pagare, in un anno, per i servizi telefonici e televisivi. Adesso anche Sky cambia in questo senso i contratti in vigore: passa dal primo ottobre a una tariffazione ogni 28 giorni. E gli operatori telefonici continuano ad applicare questi rincari generalizzati nonostante Agcom, l’Autorità garante delle comunicazioni, glielo abbia vietato esplicitamente, con una delibera dello scorso marzo.

    La resa dei conti è vicina, però: prima a settembre, quando Agcom si riserverà di decidere sia sul caso di Sky e sia su eventuali sanzioni, forse milionarie, a carico degli operatori telefonici inadempienti. Poi a febbraio 2018, quando è fissato l’udienza presso il Tar del Lazio a cui gli operatori si sono rivolti per provare a bloccare la delibera di Agcom di marzo.

    Si è creata quindi una tipica situazione “all’italiana”. Da una parte le norme – di Agcom, cioè dell’Autorità competente in materia - dicono che no, non ci possono essere offerte basate su addebiti ogni 28 giorni su rete fissa (telefono, Adsl, fibra ottica); perché questo cambio contrattuale, applicato a pioggia su tutti gli utenti, equivale a un rincaro di circa l’8,6 per cento dei prezzi annuali (le mensilità in un anno diventano 13) e perché si rischia una minore trasparenza delle tariffe. Dall’altra, non solo gli operatori fissi hanno deciso di ignorare la delibera, ma anche adesso il fenomeno attecchisce in altri settori, come quello della tv a pagamento, come dimostra la mossa di Sky.

    Il gigante televisivo in questi giorni sta avvisando della novità tutti i suoi 4,760 milioni di abbonati. E questi devono stare attenti a non farsi sfuggire la comunicazione di Sky, distratti dal clima ancora vacanziero, perché hanno fino al 30 settembre per rifiutare la modifica contrattuale chiedendo una disdetta gratuita del contratto. La legge in questi casi di “modifiche contrattuali unilaterali” (cioè imposte dagli operatori) concede infatti agli utenti solo il diritto a disdire senza spese, entro 30 giorni.

    Ulteriori diritti possono arrivare da disposizioni di Agcom, che però, appunto, è stata ignorata dagli operatori. A marzo aveva dato 90 giorni di tempo per tornare a tariffe mensili sul fisso. Vodafone e Wind hanno però continuato a usare quelle a 28 giorni, adottate poi anche da Tim da aprile e da Fastweb da maggio. Tiscali è tra i pochi a conservare canoni mensili.

    Su telefonia mobile, Agcom concedeva queste tariffe ma chiedeva «un intervento che garantisca una facile comparazione delle offerte e escluda la possibilità che ulteriori variazioni del periodo di rinnovo delle offerte commerciali nascondano, in realtà, aumenti del prezzo dei servizi interessati». Anche questa disposizione però non ha avuto seguito. Si nota solo la mossa di Wind, che ora, per maggiore trasparenza, chiarisce sul proprio sito “a titolo informativo” per ogni offerta quale sarebbe il prezzo se la tariffa fosse applicata ogni 30 giorni.

    Adesso che succede? Da Agcom dicono che è aperta una istruttoria sulla disubbidienza degli operatori, cosa che a rigor di norma può portare a sanzioni fino a 2,5 milioni di euro. E gli uffici dell’Autorità hanno aperto una istruttoria su Sky, per valutare il da farsi, dopo aver raccolto segnalazioni dei consumatori. Il tutto è rimandato a settembre, quando ci saranno le prime riunioni del consiglio dell’Autorità dopo la pausa estiva.

    Nel frattempo ai consumatori non resta che subire il volere degli operatori e, solo nel caso di Sky, valutare la disdetta gratuita; sperando che il fenomeno della mensilità extra non contagi altri settori dei consumi.


    http://www.repubblica.it/economia/20...-C4-P1-S1.4-T1

  6. #26
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marcus91
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,184

    Lightbulb

    Citazione Originariamente Scritto da Marco Yahoo Visualizza Messaggio
    Ultimissime: il Tar ha fissato l'udienza per il ricorso di Asstel a febbraio 2018 (campa cavallo, che i gestori intanto s'ingrassano...).
    sarebbe bello se obbligassero i gestori, in caso di rigetto, al ricalcolo a 30 giorni...


    Iliad (minuti/sms illimitati, 30GB @ 5.99€)
    Tiscali UltraInternet

  7. #27
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,002

    Cool Riusciranno i nostri eroi...

    Agcom: sanzioni per gli operatori che non hanno ripristinato la fatturazione mensile



    Agcom: stop a operatori di telefonia No alla fatturazione ogni 28 giorni
    Bolletta sia mensile, pronte sanzioni


    L’autorità per le Comunicazioni avvia procedimenti contro Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per la fatturazione ogni 28 giorni (4 settimane). «Si torni alla fatturazione mensile per garantire confronto tra prezzi e diverse offerte»


    L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche. Gli operatori di hanno modificato la cadenza della tariffazione su 4 settimane invece che la canonica bolletta mensile (guadagnando con questo una «mensilità»: 13 tariffazioni annuali invece di 12). L’esigenza della confrontabilità

    Al fine di garantire massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi vigenti — spiega l’Agcom in una nota — nonché il controllo dei consumi e della spesa garantendo un’unità standard (mese) del periodo di riferimento delle rate sottostanti a contratti in abbonamento per adesione, con la delibera 121/17 l’Autorità aveva stabilito nel marzo scorso che per la telefonia fissa e per le offerte convergenti l’unità temporale per la cadenza delle fatturazioni dovesse avere come base il mese. Al termine delle verifiche effettuate da Agcom, è risultato che gli operatori menzionati non hanno ottemperato alla delibera dell’Autorità. Pertanto Agcom sta valutando l’adozione di ulteriori iniziative, anche per evitare che le condotte dei principali operatori di telecomunicazioni possano causare un effetto di «trascinamento» verso altri settori, caratterizzati dalle stesse modalità di fruizione dei servizi.

    L’effetto contagio

    Nello specifico, anche operatori di tv a pagamento (tra cui Sky) hanno modificato sulle 4 settimane la cadenza della fatturazione. «Ciò dimostra che c’è una vera e propria insofferenza alle regole da parte degli operatori di telecomunicazione — commenta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale dei Consumatori —. Attendevamo questa decisione di Agcom e la accogliamo con favore segnalando però che le sanzioni in Italia hanno un basso effetto deterrente». L’Unione nazionale dei Consumatori ha lanciato una campagna, a cui hanno aderito già 5mila persone, per sensibilizzare i consumatori e il governo sulla necessità di ripristinare le regole della fatturazione ad un mese. Anche «per prevenire il rischio contagio che si stava già estendendo ai broadcaster televisivi» e perché anche alle utilities. «Si tratta di un pesante choc nel bilancio delle famiglie con rincari in media dell’8%», aggiunge Dona. Ora si attende un colpo da parte del governo. Perché per impedire la fatturazione a 28giorni basterebbe un provvedimento inserito nella legge di Stabilità.



    14 settembre 2017 (modifica il 14 settembre 2017 | 14:51)

    http://www.corriere.it/economia/17_s...bfe0dde.shtml#

  8. #28
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,002

    Angry Senza vergogna...

    E così adesso sappiamo anche le motivazioni di Asstel indicate nel ricorso al Tar...

    http://www.repubblica.it/economia/20...-C8-P1-S1.8-T1

    Gli operatori della telefonia - tutti insieme - hanno presentato un ricorso al Tar contro l'ordine che l'Autorità ha inviato loro con la delibera di marzo. Il ricorso è stato depositato con l'assistenza di Asstel (l'associazione di categoria che opera in Confindustria).

    Nel ricorso al Tar, gli operatori espongono le loro ragioni. A loro giudizio:
    1) l'obbligo di trasparenza verso i loro clienti è onorato;
    2) i clienti sono informati, cioè, di quanto pagano ogni 4 o 8 settimane e di quanto pagherebbero se questi aumenti fossero spalmati sul mese con il vecchio sistema di fatturazione;
    3) l'articolo 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni stabilisce come una società può cambiare i suoi prezzi;
    4) questo articolo 70 del Codice sarebbe rispettato dal nuovo sistema di fatturazione a 4 oppure a 8 settimane;
    5) la delibera dell'Autorità di marzo (con l'ordine di tornare alla vecchia fatturazione mensile) violerebbe la libertà d'impresa;
    6) la delibera, in altre parole, trasformerebbe i prezzi (liberi per definizione) in tariffe regolamentate dall'alto, cioè dall'Autorità.

  9. #29

    Predefinito

    Ma in AgCom hanno il polso della situazione italiana di teleconunicazioni e servizi radiotelevisivi? Perché mi chiedo come si faccia a scrivere (nel loro comunicato):

    "evitare che le condotte dei principali operatori di telecomunicazioni possano causare un effetto di “trascinamento” verso altri settori, caratterizzati dalle stesse modalità di fruizione dei servizi"

    "POSSANO CAUSARE"? Ipotetico? Nessuno si è accorto che SKY, ad esempio, lo ha già fatto da quasi due mesi?

  10. #30
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,002

    Angry Senza vergogna

    L'ammissione pubblica di Vodafogne che la fatturazione a 28 giorni è stata solo una beffa per aumentare i prezzi in modo occulto; solo dopo che l'esecutivo ha annunciato provvedimenti per il ritorno alla fatturazione mensile, ha invece deciso di fare marcia indietro...

    Roma, 29 ott. (askanews) - Vodafone Italia tornerà presto alla fatturazione ogni 30 giorni al posto della attuale ogni 28 giorni. Lo assicura l'ad, Aldo Bisio, in una intervista al Corriere della Sera.

    "Nell'aprile del 2016 abbiamo ridotto il ciclo di fatturazione e nei fatti aumentato i prezzi. Era un'operazione legittima in un sistema di mercato liberalizzato, dove i prezzi sono tra i più più competitivi d'Europa. Alla luce dell'attenzione posta dal Governo e dalle Autorità - ha spiegato Bisio - ci siamo resi conto che abbiamo sottovalutato un elemento importante che ci lega ai clienti, la trasparenza. Abbiamo dunque deciso che ritorneremo al ciclo di fatturazione precedente. Sono investimenti ingenti, abbiamo avviato i lavori e lo faremo rapidamente".
    Quanto alla sperimentazione del 5G a Milano, dove Vodafone Italia si è aggiudicata uno dei progetti con il bando del Mise, Bisio ha sottolineato come Vodafone investità più di "90 milioni". "Costruiremo un'infrastruttura che coprirà l'80% di Milano e area metropolitana. La copertura sarà completata entro il 2019. Non ci sarà in Europa una città con un livello di copertura così elevato".

    https://it.finance.yahoo.com/notizie...081816663.html

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social