Pagina 17 di 17 PrimaPrima ... 71314151617
Risultati da 161 a 169 di 169

Fatturazione su base mensile (rete fissa) e su base 28 giorni (rete mobile)

  1. #161
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marcus91
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,184

    Predefinito

    l'uscita contemporanea di AGCM e Vodafone non credo sia casuale
    appena notificato il provvedimento Antitrust, sono partiti con i 2€


    Iliad (minuti/sms illimitati, 30GB @ 5.99€)
    Tiscali UltraInternet

  2. #162

    Predefinito

    Eh infatti, la penso così anch'io... e non siamo soli, ho visto che anche il buon Valerio ha fatto questo collegamento nell'articolo

    Rimodulazioni Vodafone 10 giugno e 18 luglio 2018: cosa cambia, i dettagli

    Comunque ancora non ho ricevuto fatture da Vodafone, dovrei averne una della rete fissa tra una settimana, vediamo esattamente cosa scrivono là, perché se non rettificano il precedente aumento diventa veramente una confusione incomprensibile

  3. #163
    Partecipante Galattico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,999

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da faquick Visualizza Messaggio
    È quel "per ora" che mi preoccupa...

  4. #164
    Partecipante Galattico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,999

    Predefinito

    Articolo di oggi su Repubblica in merito al dietrofront dei gestori.

    http://www.repubblica.it/economia/di...C6-P14-S1.6-T1

    Gli operatori telefonici si adeguano alle mosse dell’Antitrust, dietrofront sugli aumenti


    Niente più rincari di massa da aprile. Tim, Vodafone, Wind 3 e Fastweb cambiano strada, ognuno con una propria scelta, differenziando le proprie mosse. Ecco i dettagli

    Grande dietrofront sugli aumenti delle offerte telefoniche fisse e mobili, che erano previsti dal primo aprile. Alcuni operatori hanno già annunciato le novità (Vodafone e Fastweb); altri, a quanto risulta a Repubblica, si preparano a farlo. Buone notizie, quindi, ma che arrivano in risposta alla bacchettata dell'Antitrust. Gli operatori così provano a evitarne le sanzioni, basate sull'ipotesi che ci fosse un cartello tra loro (avevano deciso gli aumenti in simultanea).

    Vodafone è stata la prima ad annunciare lo stop ai rincari dei canoni mensili (dell'8,6 per cento circa), che - come gli altri operatori - miravano a lasciare invariato il costo annuale nel ritorno alla tariffazione mensile (da quella a 28 giorni, che è vietata per legge a partire dal 5 aprile). Fastweb invece ha lanciato offerte fisse e mobili dal prezzo ridotto (e anche caratterizzate da una maggiore trasparenza), a cui tutti gli utenti (anche quelli vecchi) possono aderire gratis. Tim fa sapere che "Pur non condividendo il merito del provvedimento cautelare Antitrust, Tim sta mettendo in campo tutte le misure necessarie per ottemperare e differenziare ulteriormente le offerte sia fisse sia mobili".

    Wind Tre, a quanto risulta, non prevede rincari su 10 milioni di utenti; per gli altri gli eventuali aumenti di prezzo non supereranno, mediamente, il 5,6%. Mentre per Vodafone e Fastweb la situazione è già chiara, quindi, per Wind 3 e Tim ciascuno utente scoprirà il proprio destino nel corso di aprile.

    Differenziare è la parola d'ordine. Da quanto risulta dalla lettura del dispositivo dell'Antitrust, infatti, il problema non sono gli aumenti in sé quanto la loro contemporaneità. Se gli operatori si differenziano nella strategia di ritorno a tariffa mensile evitano alla radice l'accusa di cartello. E si differenziano perché Vodafone ha cancellato a tutti i rincari, Fastweb presenta offerte scontate che i vecchi utenti (impattati dai rincari) ora dovrebbero affrettarsi a sottoscrivere. Tim e Wind 3 differenzieranno le scelte a seconda dei casi, ma l'orientamento sembra sempre quello di ridurre al minimo i rincari. Certo meglio di quanto annunciato prima.

    In particolare, Fastweb - il cui annuncio è il più articolato - dichiara che "da ieri nel prezzo mensile Fastweb saranno incluse tutte le componenti che solitamente vengono fatte pagare a parte - ad esempio il prezzo di attivazione, il contributo aggiuntivo per il modem o l'opzione ultrafibra. Fastweb esporrà nella propria bolletta - con cadenza mensile e non più bimestrale proprio nell'ottica di aumentarne la chiarezza - un prezzo unico, semplice e trasparente, che non aumenta alla fine del periodo promozionale: 29,95 euro al mese per Internet illimitato e 34,95 euro al mese per internet e chiamate illimitate verso tutti i numeri fissi. Le chiamate verso i mobili avranno un costo di 0,05 euro al minuto, fino ad un sesto del prezzo applicato dagli altri operatori". Altra novità, abbastanza unica sul mercato: ha eliminato ogni vincolo mensile sul fisso. Su mobile, invece, la principale nuova offerta scontata dà 8GB, 700 minuti e 700 SMS a 6,95 euro al mese per i clienti fissi (10,95 euro al mese per i clienti solo mobile).

    La parola ora all'Antitrust, comunque, che dovrà decidere se gli operatori hanno fatto bene i compiti e quindi archiviare il procedimento. O se sanzionarli comunque, anche se non sarebbe chiaro su quale base - in questo caso - considerando che i rincari non erano ancora scattati e quindi il cartello eventuale non si era ancora espresso sul mercato.

  5. #165
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marcus91
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,184

    Lightbulb

    Citazione Originariamente Scritto da Marco Yahoo Visualizza Messaggio
    La parola ora all'Antitrust, comunque, che dovrà decidere se gli operatori hanno fatto bene i compiti e quindi archiviare il procedimento. O se sanzionarli comunque, anche se non sarebbe chiaro su quale base - in questo caso - considerando che i rincari non erano ancora scattati e quindi il cartello eventuale non si era ancora espresso sul mercato.
    quindi se mi trovano con un piede di porco in mano, nel cuore della notte, davanti al cancello di un estraneo, non mi possono fare nulla perché il mio furto “non si è ancora espresso”?
    voglio sperare seriamente all'AGCM la pensino diversamente...


    Iliad (minuti/sms illimitati, 30GB @ 5.99€)
    Tiscali UltraInternet

  6. #166
    Partecipante Galattico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,999

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Marcus91 Visualizza Messaggio
    quindi se mi trovano con un piede di porco in mano, nel cuore della notte, davanti al cancello di un estraneo, non mi possono fare nulla perché il mio furto “non si è ancora espresso”?
    Una volta lo chiamavano "concorso morale in reato"...


  7. #167
    Partecipante Galattico L'avatar di Marco Yahoo
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,999

    Predefinito

    Ultimissime notizie sull'annosa vicenda:

    http://www.corriere.it/economia/18_a...ac5380d3.shtml


    Bollette a 28 giorni, oggi e domani le audizioni dell’Agcom


    Ennesimo tentativo di sbrogliare la questione: tutto parte un anno fa, quando l’Agcom ha bocciato la pratica di fatturare a 28 giorni di Tim, Vodafone, Fastweb e WindTre . Poi è arrivata una legge del Parlamento. Ma i rimborsi ancora non si vedono


    Iniziano oggi le audizioni delle compagnie telefoniche e delle associazioni dei consumatori presso l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni per cercare di trovare una soluzione sui rimborsi per la fatturazione a 28 giorni, che poi sono state dichiarate vietate dalla legge. Il problema riguarda milioni di consumatori: secondo le stime di Altroconsumo, fino a 12 milioni di utenti di linea fissa e 60 milioni di utenti di telefonia mobile, infatti, con le fatture a 28 giorni hanno pagato un mese in più all’anno. Il valore di mercato in gioco si aggira intorno ai 13 miliardi di euro. Le associazioni ora chiedono che agli operatori di restituire ai consumatori i soldi sottratti ingiustamente. Senza ulteriori aumenti: l’incremento generalizzato dei prezzi dell’8,6%, con cui le compagnie stavano cercando di riprendersi a tavolino quanto avrebbero perso con la fatturazione mensile, è stato sospeso il 22 marzo dall’Antitrust presieduta da Giovanni Pitruzzella. La vicenda

    A febbraio il Tar ha respinto il ricorso presentato dall’Asstel e da Tim, Vodafone, WindTre, Fastweb contro l’ormai famosa delibera 121 di Agcom, quella che ha stabilito la fatturazione mensile come unica possibilità per i gestori. Una decisione che di fatto ha dichiarato illegittime le bollette conteggiate su 28 giorni: dal 5 aprile la fatturazione è infatti tornata mensile. Lo stesso Tar ha però sospeso i rimborsi automatici a partire dal 23 giugno 2017 e che avrebbero dovuto restituire ai consumatori quanto pagato in più, proprio a causa delle bollette calcolate su 4 settimane: il tribunale amministrativo ha infatti deciso di non prendere per il momento alcuna decisione, in attesa delle convocazioni dell’Autorità per le telecomunicazioni. Obiettivo delle riunioni sarà quello di capire se e con quali tempistiche, in attesa delle decisioni definitive della giustizia amministrativa, le compagnie intendono ottemperare alle delibere dell’Autorità che prevedevano i rimborsi sotto forma di «giorni gratis» per i clienti.

    I rimborsi milionari

    Nel rinviare la questione dei «rimborsi automatici» alla discussione di merito con udienza già fissata per il 31 ottobre, il Tar del Lazio nelle ordinanze ha ritenuto di sospendere il provvedimento «a prescindere da ogni considerazione sul merito» visto «che il carattere - allo stato - indeterminato della somma da corrispondere agli utenti» appare «in grado di incidere sugli equilibri finanziario-contabili della azienda; tenuto conto, altresì, della dedotta difficoltà per la medesima società di ripetere dai clienti le somme eventualmente corrisposte». Oltre alla multa (1, 160 milioni di euro a testa) le compagnie infatti si troverebbero a dover sborsare centinaia di milioni di euro visto che l’aumento su base annua con il passaggio alla fatturazione a 28 giorni è quantificato nel +8,6%, per 1,19 miliardi. Ipotesi contro cui Wind, Fastweb, Tim e Vodafone hanno ovviamente fatto ricorso. Ma l’Agcom ha proposto alle compagnie un’altra soluzione: un immediato ristorno nelle prime bollette, posticipando il periodo di calcolo della prossima bolletta utile, sottraendo un numero di giorni pari a quelli erosi, mese dopo mese, con il sistema a quattro settimane. L’obiettivo dell’Agcom è di non rimandare troppo in avanti il rimborso ai clienti e lasciare liberi i consumatori di cambiare operatore. Il rischio altrimenti è un cliente non passi a un’altra compagnia nel timore di perdere il rimborso o debba avviare contenziosi in solitaria. Le compagnie si sono opposte anche a questa soluzione, sostenendo che i tempi per adeguarsi sarebbero troppo brevi. Vedremo se in sede di convocazione si riuscirà a trovare la quadratura del cerchio.

  8. #168
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,667

    Predefinito

    Avete ricevuto la vostra nuova fattura (TIM, FASTEB, WINDTRE, VODAFONE) con il periodo di fatturazione posticipato di tot. giorni come da delibere AGCOM? (112-113-114-115/18/CONS)
    Nel mio caso ovviamente e come prevedibile NO!
    (Vodafone rete fissa)
    ...

  9. #169
    Partecipante Logorroico L'avatar di Marcus91
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,184

    Predefinito

    evidentemente ci tengono proprio a prendere un'altra batosta...
    sembrano dei bambini capricciosi che non vogliono obbedire ai genitori


    Iliad (minuti/sms illimitati, 30GB @ 5.99€)
    Tiscali UltraInternet

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social