Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 31

Bloccare traffico dati extrasoglia tramite Delibera AgCom 326/10/CONS

  1. #21
    Partecipante Logorroico
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,511

    Predefinito

    Credo inizierò anche io questa battaglia. Nessun SMS ricevuto, neanche alla fine del bundle.
    Però il messaggio della fine del credito è arrivato!!
    TuaMatic + Gd3 OA + CVUA + TopTime + SI AC0 + LTE (393) / iPhone XS 256GB


  2. #22
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    461

    Predefinito

    Inviato il formulario GU14

  3. #23
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    461

    Predefinito

    A metà dicembre c'e' stata l'udienza al Corecom per la definizione ed ho ceduto all'offerta di 3 per archiviare il procedimento.
    Le richieste erano il blocco della connessione ed indennizzi vari (nel frattempo mi avevano rimborsato i 20 centesimi di extra soglia). Il corecom non può decidere sul blocco della connessione l'unica cosa che poteva fare era stabilire indennizzi.
    Avevo quantificato gli indennizzi per disservizio, indicando come disservizio l'impossibilita' di bloccare la connessione, calcolando la meta' del canone mensile per ogni giorno di durata del disservizio (dalla data di attivazione della SIM), circa 350 euro, 3 ha proposto 250 e abbiamo chiuso.
    Il blocco da 3 probabilmente non lo avremo mai, magari con Windtre le cose cambieranno. Pero' nell'attesa c'e'modo di recuperare i soldi

  4. #24
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    461

    Predefinito

    Ci risiamo, altro addebito, stavolta 2,60 con sms arrivato dopo
    Con all in vip pensavo di avere abbastanza dati e invece...
    Stavolta la definizione la faccio concludere al corecom

  5. #25
    Partecipante Magico L'avatar di sponsor3
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    665

    Predefinito Richiesta a 3 blocco internet al termine delle soglie.

    Buonasera a seguito della deliberaAgcom 326/10/cons i seguenti blocchi:
    1) blocco al raggiungimento delle soglie internet in Italia;
    2) blocco al raggiungimento delle soglie in Ue;
    3) blocco totali nei paesi extra Ue.
    Qualcuno ha richiesto via fax o pec?

  6. #26

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sponsor3 Visualizza Messaggio
    Qualcuno ha richiesto via fax o pec?
    Prova a leggere le pagine precedenti del thread a cui ho unito il tuo post, qualcuno si è mosso ma ottenendo "solo" risarcimenti e non l'implementazione del blocco, se non erro... cmq gli interessati potranno risponderti direttamente

  7. #27

    Predefinito

    Tra l'altro, visto che la discussione è in una sezione più "globale", ne approfitto per rilanciare la medesima domanda relativamente a iliad, che - allo stesso modo di 3 - applica direttamente l'extrasoglia. Magari i nuovi arrivati, che tanto sbandierano la volontà di essere trasparenti, saranno più solerti ad adeguarsi

  8. #28
    Partecipante Magico L'avatar di sponsor3
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    665

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da cosm78 Visualizza Messaggio
    ho scritto ad @AGCOMunica su twitter... e tramite email...
    vediamo che rispondono.
    Facci sapere voda rispondono.

  9. #29
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,667

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sponsor3 Visualizza Messaggio
    Buonasera a seguito della deliberaAgcom 326/10/cons i seguenti blocchi:
    1) blocco al raggiungimento delle soglie internet in Italia;
    2) blocco al raggiungimento delle soglie in Ue;
    3) blocco totali nei paesi extra Ue.
    Qualcuno ha richiesto via fax o pec?
    Attenzione che in questo modo la richiesta è formulata non correttamente...perché 3 ti risponde che le soglie esistono già (ed è vero) e quei limiti (come extracosto in euro) sono normati da altra delibera.
    Quello che non esiste è quanto dettato dalla delibera all'articolo 2 comma 1 ma soprattutto comma 2:

    1. Gli operatori mobili, con riferimento ai piani tariffari che prevedono un plafond di traffico dati tariffato a forfait (di tempo o di volume), rendono disponibili gratuitamente sistemi di allerta efficaci che, al raggiungimento di una soglia di consumo pari ad una percentuale del plafond di traffico (di tempo o di volume) scelta dall’utente tra le diverse opzioni proposte dall’operatore, informino l’utente medesimo:a) del raggiungimento della soglia;b) del traffico residuo disponibile;c) del prossimo passaggio ad eventuale altra tariffa e del relativo prezzo al superamento del plafond.

    2.Qualora il cliente non abbia dato indicazioni diverse in forma scritta, gli operatori provvedono a far cessare il collegamento dati non appena il credito o il traffico disponibile residuo (di tempo o di volume) di cui al comma 1 sia stato interamente 326/10/CONS esaurito dal cliente, senza ulteriori addebiti o oneri per quest’ultimo, avvisandolo di tale circostanza. La connessione dati è riattivata nel più breve tempo possibile dopo che l’utente ha fornito, mediante una modalità semplice, il proprio consenso espresso, che non può, quindi, essere tacito o presunto.
    ...

  10. #30
    Partecipante Logorroico L'avatar di Max3
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    3,667

    Predefinito

    Fresca fresca arriva la delibera sanzionatoria AGCOM 53/19/CONS

    [...] Alla luce di quanto sopra esposto le giustificazioni addotte dalla Società non risultano accoglibili. Wind Tre, nelle proprie difese, parte dall’assunto che le disposizioni dell’art.2, commi da 1 a 5, della delibera n. 326/10/CONS si applicano solo alle offerte dati a plafond mentre le disposizioni previste dall’art. 2, comma 6, della medesima delibera si applicano solo alle offerte dati a consumo. Pertanto, la Società asserisce che, poiché le offerte a marchio “3” sono state formulate per consentire gli utenti di fruire inscindibilmente del servizio dati, sia con una carica a plafond che a consumo, gli obblighi previsti dalla normativa contestata devono essere adattati alla struttura dell’offerta “3”.Tale assunto non è condivisibile perché, anche se l’offerta a brand “3” è formata da un pacchetto che consente all’utente inscindibilmente la fruizione del servizio dati a plafond mensile e, successivamente, una fruizione a consumo con traffico extra soglia,comunque non vi è ragione per non ritenere applicabili le disposizioni dell’art. 2. La Società ha l’obbligo di predisporre il sistema di allerta previsto dai commi da 1 a 5 durante il godimento da parte del cliente del traffico dati a plafond, e, successivamente, il sistema di allerta previsto dall’art. 2, comma 6, quando si passa alla fruizione del servizio a consumo, con traffico extra soglia. Fatta questa precisazione, si evidenzia che la Società non ha ottemperato alla normativa contestata sia con riferimento al periodo in cui la fruizione del servizio dati da parte dell’utente è avvenuto nell’ambito del plafond sia nell’ambito del traffico extra soglia. In primo luogo, il contenuto del messaggio di alert inviato al cliente al raggiungimento della quota parte del plafond della propria offerta non è conforme al contenuto del primo comma dell’art. 2, né tanto meno alle prescrizioni del Regolamento comunitario. Infatti, tale messaggio dovrebbe contenere chiare indicazioni circa il traffico residuo disponibile, l’imminente passaggio a eventuale altra tariffa e il relativo prezzo al superamento del plafond. Di contro nell’SMS è genericamente riportato che “[l]a soglia dati prevista dal suo piano tariffario è in esaurimento, verifica gratis dall’Italia al 4034 o al 4039 la disponibilità residua”. È evidente che con tale messaggio la Società ha avvisato il cliente relativamente all’approssimarsi del raggiungimento della soglia (consultabile accedendo ai numeri ivi indicati) omettendo le altre informazioni. La Società ha presunto di aver posto in essere l’attività necessaria per ottemperare alla normativa contestata predisponendo una serie di canali informativi - Web Area, il serviziodedicato, al numero 133, IVR tramite 4034/4039 per la disponibilità residua, APP My 3e 3CUBE - ma ha omesso di inserire alcune delle informazioni minime nel messaggio diallerta con riferimento al traffico residuo disponibile, nonché al passaggio ad altra tariffa e il prezzo a consumo dopo il superamento del plafond. L’utente, invero, ha diritto ad ottenere nell’immediato queste informazioni con un sistema di notifica efficace (medianteSMS, un messaggio di posta elettronica o una finestra pop-up da attivarsi sull’apparecchiatura indicata dall’utente) che attiri l’attenzione dell’utente e, così, il medesimo subito possa conoscere le informazioni minime previste dall’art. 2, comma 1,della delibera n. 326/10/CONS. Una volta richiamata la sua attenzione, l’utente potrà utilizzare tutte le applicazioni messe a disposizione di Wind Tre per impostare altro traffico extra soglia o ripristinare il traffico a plafond nel mese successivo e per conoscere nel dettaglio le informazioni economiche relative alla propria offerta. Pertanto, non può dirsi, con riferimento alla fruizione dell’offerta a plafond, che il massaggio di allerta inviato automaticamente dall’operatore al raggiungimento di una quota parte del plafond possa essere conforme alle prescrizioni dell’art. 2, comma 1, perché mancano gli elementi di cui al comma 1, punti 2) e 3) del medesimo articolo.Le prescrizioni previste dall’art. 2, comma 6, della delibera n. 326/10/CONS, che devono essere impostate dalla Società durante la fase di fruizione del servizio da parte dell’utente con traffico extra soglia, dovrebbero essere inserite automaticamente dalla Società con le modalità indicate dalla norma. Essa prescrive che “[g]li operatori mobili offrono gratuitamente anche agli utenti con piani tariffari a consumo, diversi da quelli di cui al comma 1, la possibilità di predefinire una soglia massima di consumo mensile per traffico dati scelta dall’utente tra le diverse opzioni proposte dall’operatore. A tutti gli utenti che, entro il 31 dicembre 2010, non abbiano provveduto a scegliere tale soglia o a dichiarare di non volersene avvalere, si applica automaticamente, a decorrere dal 1 gennaio 2011, il limite massimo di consumo per traffico dati nazionale pari a 50 euro per mese per utenze private e pari a 150 euro per utenze affari oltre ad un limite di 50 euro per il traffico dati nei Paesi esteri diversi da quelli dell’Unione europea, fatto salvo il limite di 50 euro previsto dal regolamento europeo per il traffico dati in roaming nei paesi dell’Unione europea . Per la cessazione del collegamento e le relative notifiche e consensi si applicano le medesime disposizioni di cui ai commi 2 e 3.” Dunque, oltre all’SMS di alert (peraltro dal contenuto carente), la Società non mette a disposizione dell’utente nessuno strumento di tutela automatica, spostando in capo al consumatore l’onere di attivarsi per evitare addebiti per traffico extra soglia. In ordine alla “cessazione del collegamento”, Wind Tre afferma che non può bloccare l’erogazione del servizio dati perché altrimenti incorrerebbe, a suo dire, in un inadempimento contrattuale. Pertanto, se l’utente non ha effettuato la ricarica per il traffico extra soglia (dopo aver consumato il traffico a plafond di tempo o di volume) e non interrompe il servizio dati sulla sua apparecchiatura mobile e si collega a esso per fruire del servizio dati, si renderà conto del costo del servizio usufruito solo quando effettuerà una ricarica. Tale comportamento è difforme da quanto prescritto dall’art. 2, comma 6, della delibera n. 326/10/CONS, che obbliga la Società a bloccare il servizio dati alla soglia prevista, a meno che l’utente non abbia effettuato una ricarica con carta prepagata dopo o in prossimità dell’esaurimento del plafond e, comunque prima che inizi a sviluppare traffico extra soglia. Quanto affermato dalla Società circa il fatto che l’utente, aderendo all’offerta, avrebbe già espresso in maniera esplicita (e, dunque, per l’intera durata dell’offerta) il proprio consenso alla fruizione del servizio a consumo, una volta esaurito il bundle (a prescindere dal comportamento eventualmente realizzato dall’utente con l’acquisto di traffico dati a consumo con ricariche prepagate per singole quote di traffico, esaurito finite le quali il servizio dati dovrebbe comunque essere bloccato dalla Società), non è condivisibile perché, per quanto sopra esposto, è evidente che l’utente può comunque incorrere nella ricezione di fatture esorbitanti per aver usufruito di traffico extra soglia inconsapevolmente.[...]

    Concludendo, per le motivazioni sopra esposte, può ritenersi accertata la violazione,da parte della società Wind Tre S.p.A., dell’art. 2 della delibera n. 326/10/CONS per non aver garantito:

    i) un sistema di allerta efficace durante la fruizione del plafond di traffico dati tariffato a forfait (di tempo o di volume) che informi il cliente, oltre del raggiungimento della soglia, anche del traffico residuo disponibile e del prossimo passaggio a eventuale altra tariffa e del relativo prezzo al superamento del plafond;

    ii) l’ottemperanza all’obbligo di cessazione del collegamento dati all’esaurimento del plafond disponibile, salvo un consenso espresso dell’utente alla prosecuzione della connessione dati

    ORDINA

    alla predetta Società di pagare la sanzione amministrativa pecuniaria pari a euro 406.000,00 (quattrocentoseimila/00) ai sensi e per gli effetti dell’art. 98, comma 16, del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259;
    Ultima modifica di Max3; 21/03/2019 alle 15:07
    ...

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social