Costi e gestione del trasferimento di chiamata all'estero
Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32

Costi e gestione del trasferimento di chiamata all'estero

  1. #1
    Partecipante DOC L'avatar di Frengo
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    30

    Question Costi e gestione del trasferimento di chiamata all'estero

    da http://www.mondo3.com/forum/discussi...tml#post568838

    Ora che rifunziona il trasferimento (e che devo tornare in un paese zona 4 (6€/min)...mi piacerebbe capire quanto costa davvero.
    Il meccanismo (ordinario) mi è chiarissimo; l'applicazione invece mi ha lasciato a bocca aperta.
    Mi spiego: quando sono stato in Egitto, visti i costi proibitivi di 3, ho attivato la deviazione totale delle chiamate dal mio numero 3 ad un numero Wind (con la vecchia easy roaming) che ho portato con me in viaggio. Ovviamente sapevo che avrei pagato il tratto di chiamata dal mio numero 3 al numero Wind e che sul numero Wind la chiamata sarebbe stata tariffata in roaming: e fin qui tutto ok.
    Il problema è nato quando la chiamata a mio carico (ossia da 3 a Wind) che doveva essere tariffata come una chiamata tra telefoni "italiani" (e nel mio caso compresa nella soglia di traffico) è stata invece tariffata come una chiamata dall'estero verso l'Italia e questo perché - questa la risposta del 133 - il cellulare con il mio numero 3 era stato acceso e localizzato in Egitto (per leggere gli SMS che non si possono trasferire) e quindi anche il tratto di chiamata tra 3 e Wind (quello del trasferimento di c.) è automaticamente diventato "internazionale".
    E' giusto che sia così o mi hanno fregato?
    La cosa più assurda? Mia moglie (con un piano 3 business) che ha attivato il trasferimento con modalità identiche (e che ha acceso il suo cel 3 per leggere gli SMS come me) non ha avuto sul conto alcun addebito extra e tutte le chiamate dal numero 3 al numero Wind sono rientrate (documentate) nelle soglie ordinarie di traffico.
    La risposta del 133? "Sua moglie è stata fortunata"!!!!
    Se qualcuno sa dirmi quale è il meccanismo corretto da applicare - cosicché possa sapere se attivare o meno il trasferimento durante il prox viaggio - lo ringrazio anticipatamente.
    Cliente 3 dal 2004

    iPhone 4 32GB + Zero 8 Top

  2. #2
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,233

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Frengo Visualizza Messaggio
    Ora che rifunziona il trasferimento (e che devo tornare in un paese zona 4 (6€/min)...mi piacerebbe capire quanto costa davvero.
    [...]
    La risposta del 133? "Sua moglie è stata fortunata"!!!!
    Se qualcuno sa dirmi quale è il meccanismo corretto da applicare - cosicché possa sapere se attivare o meno il trasferimento durante il prox viaggio - lo ringrazio anticipatamente.
    Il dramma è che è "giusto". Era un argomento che d'attualità ormai più di 10 anni fa con i primi servizi in tal senso, ma il problema di fondo è questo:

    1. se il trasferimento è sulla non raggiungibilità / spento in roaming internazionale possono accadere due cose:
    - a. la rete italiana ha avuto il corretto input di spegnimento e lo gestisce da "casa"
    - b. la rete roamer gestisce il tutto tariffando di conseguenza l'internazionale

    2. su occupato è SEMPRE la rete roamer a gestire la deviazione (ergo si paga la chiamata COME SE originata all'estero come nel caso 1.b)

    3. la soluzione (in teoria) migliore è quella di impostare il trasferimento di tutte le chiamate dall'Italia e non modificare MAI l'impostazione per evitare che, per qualche disallineamento, sia quella estera a dover gestire l'origine delle chiamate.

    Ci stanno quindi nel caso particolare sia "fortuna" che casualità spicciola... il dramma è che le chiamate originate sono frutto di ticker della rete roamer, è improbabile che ci sia malafede (anche se è duro crederlo dei gestori nostrani ;-) )

  3. #3
    Partecipante Mistico
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Località
    Milano
    Messaggi
    225

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Frengo Visualizza Messaggio
    Se qualcuno sa dirmi quale è il meccanismo corretto da applicare - cosicché possa sapere se attivare o meno il trasferimento durante il prox viaggio - lo ringrazio anticipatamente.
    A quanto pare è cosi, come ti hanno detto.
    Se accendi il cellulare e instradi con la stringa il trasferimento di chiamata vai a pagare anche la tratta internazionale.
    E' già successo anche a me, per questo, sapendolo, instrado prima di andare in roaming il trasferimento di chiamata verso il numero scelto.
    Sul sito vodafone ho trovato questa postilla per quanto riguarda i trasferimenti di chiamata:

    Se ti trovi all'estero in Roaming Internazionale, il costo del Trasferimento di Chiamata è tariffato in base alle condizioni previste dal tuo Piano Telefonico per le chiamate internazionali effettuate dall'Italia. L'utilizzo del Trasferimento di Chiamata in Roaming Internazionale può comportare l'addebito di due tratte internazionali nei casi di Trasferimento di Chiamata condizionato (se non sei raggiungibile, se il cellulare è occupato, se non vuoi o non puoi rispondere).

  4. #4
    Partecipante DOC L'avatar di Frengo
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    30

    Predefinito

    Ringrazio Andrea e Zodiac per la pronta ed esaustiva risposta.
    Un ultimo dubbio: se do l'input dall'Italia e all'estero accendo il cel solo per leggere gli SMS (senza quindi "toccare" l'impostazione del trasferimento totale settata dall'Italia) rischio comunque il disallineamento e la conseguente gestione del transfer da parte della rete roamer (con relativa bastonata al portafogli)?
    Cliente 3 dal 2004

    iPhone 4 32GB + Zero 8 Top

  5. #5
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,233

    Predefinito

    in teoria dovrebbe andare tutto regolarmente, in pratica in 14 anni da roamer a giro per il mondo mai fidarsi...

    Diciamo che impostarlo in Italia dovrebbe far sì che al 90% non ci siano altri problemi, la teoria dovrebbe far sì che ti dicessi 100% ma ricordo di aver parlato su WindWorld, circa un lustro fa, che mi è capitato - seppur con Wind - che la deviazione all'estero mi fosse saltata e non ci fosse stato altro modo di reimpostarla: la colpa? Chissà, quando ci sono due gestori nel mezzo è difficile arrivare a una soluzione per un caso così particolare

  6. #6
    Partecipante Mistico L'avatar di SteelBlade
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    308

    Predefinito

    Dico anche io la mia, supportato da anni di esperienza di configurazione sulla parte commutazione (MSC/HLR).
    quando un cellulare viene acceso all'estero nell'HLR viene registrato il numero del MSC straniero, quando veniamo chiamati la chiamata viene instradata verso l'MSC straniero che si trova a dover gestire la chiamata, analizziamo di seguito i casi dei vari tipi di trasferimento:

    Occupato: viene interrogato l'HLR che restituisce il numero di MSC estero, la chiamata viene instradata e l'MSC estero restituisce il tono di occupato, a quel punto rientra in gioco l'HLR che restituisce il numero su cui trasferire, in poche parole abbiamo impegnato la tratta internazionale e sono stati generati i cartellini di tassazione, quindi la chiamata al trasferito è come se fosse stata originata dall'estero

    Nessuna risposta: il discorso è simile all'occupato, la chiamata viene instradata dall'utente chiamante all'utente chiamato all'estero, viene anche fatto il paging, ma non c'è nessuna risposta, ritorna in gioco l'HLR al timeout impostato e determina il trasferimento di chiamata, abbiamo impegnato la tratta internazionale e sono stati generati i cartellini di tassazione, quindi la chiamata al trasferito è come se fosse stata originata dall'estero

    Non Raggiungibile: qui il discorso è più complesso... il numero di MSC estero registrato in HLR viene conservato anche se il telefonino è stato spento dall'utente (deregistrazione) per un certo periodo di tempo. Se questo periodo di tempo è passato la chiamata e il suo immediato trasferimento (senza tentativo di paging) deve essere gestito nazionalmente, perché non impegna la tratta internazionale. In realtà -dovrebbe- essere gestita nazionalmente anche se l'utente ha appena spento il telefono manualmente e la deregistrazione è stata effettuata correttamente. Nel caso invece in cui si finisca dove non c'è copertura o il telefono si spegne senza deregistrarsi dalla rete (per esempio finisce la batteria o viene staccata) viene cmq tentato un paging sulla rete estera e il trasferimento viene tassato come originato dall'estero

    Incondizionato: Nel caso di trasferimento incondizionato l'HLR deve SEMPRE restituire immediatamente all'MSC del chiamante il numero su cui si è impostato il trasferimento invece di andare a tentare qualsiasi tipo di interrogazione dell'utente chiamato originariamente sulla rete estera, quindi il trasferimento di chiamata deve essere necessariamente gestito come originato nazionalmente anche se il telefono è acceso e raggiungibile su rete estera, se avviene una cosa diversa vi stanno fregando.

    Per concludere vorrei precisare che per quanto riguarda l'impostazione/cancellazione/interrogazione dello stato di trasferimento non dovrebbe mai influire ai fini della tassazione come originante dall'estero o in italia, tutto quello che dovrebbe influire è riportato qui sopra.

    Se qualcosa non è chiaro... domandate pure!

  7. #7
    Il Sire L'avatar di AndreA
    Data Registrazione
    Apr 2003
    Località
    Rignano sull'Arno (FI)
    Messaggi
    26,233

    Question

    Citazione Originariamente Scritto da SteelBlade Visualizza Messaggio
    Incondizionato: Nel caso di trasferimento incondizionato l'HLR deve SEMPRE restituire immediatamente all'MSC del chiamante il numero su cui si è impostato il trasferimento invece di andare a tentare qualsiasi tipo di interrogazione dell'utente chiamato originariamente sulla rete estera, quindi il trasferimento di chiamata deve essere necessariamente gestito come originato nazionalmente anche se il telefono è acceso e raggiungibile su rete estera, se avviene una cosa diversa vi stanno fregando.

    Se qualcosa non è chiaro... domandate pure!
    Il caso che cito sopra, ossia quello "incondizionato", che su alcune reti estere non si riesce ad attivare neanche piangendo in ginocchio... e, come ho sperimentato sulla mia bolletta/pelle, il perché talvolta si disattivi in maniera automatica alla prima registrazione su rete estera.
    Ho anche l'elenco dei gestori, ma non ci ho mai trovato una casualità fissa (ad esempio nel 2008 mi accadeva su Sunrise, nel 2009 e nel 2010 invece nessun problema... al contrario mi è successo su 3AT lo scorso febbraio). Visto che non me lo sono sognato cosa potrebbe essere accaduto tecnicamente?

  8. #8
    Partecipante Mistico L'avatar di SteelBlade
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Roma
    Messaggi
    308

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da AndreA Visualizza Messaggio
    Il caso che cito sopra, ossia quello "incondizionato", che su alcune reti estere non si riesce ad attivare neanche piangendo in ginocchio... e, come ho sperimentato sulla mia bolletta/pelle, il perché talvolta si disattivi in maniera automatica alla prima registrazione su rete estera.
    Ho anche l'elenco dei gestori, ma non ci ho mai trovato una casualità fissa (ad esempio nel 2008 mi accadeva su Sunrise, nel 2009 e nel 2010 invece nessun problema... al contrario mi è successo su 3AT lo scorso febbraio). Visto che non me lo sono sognato cosa potrebbe essere accaduto tecnicamente?
    Quello che ho esposto prima è come dovrebbe essere, come hai osservato giustamente tu quando si parla di roaming tutto può succedere e spesso è anche difficile capire perché succede, questo perché può essere complicato fare delle prove congiunte con relativo troubleshooting a livello rete. Ti posso dire che l'ISUP (il protocollo di segnalazione usato per il call setup) sulle interconnessioni (anche a livello nazionale) viene filtrato per evitare che una variante strana usata da una tecnologia diversa possa creare problemi alla rete e questo può provocare situazioni bizzarre. Tieni anche conto che tu da utente puoi pensare che sia tutto configurato in maniera standard, ma non è così, gli MSC sulle reti sono svariati e possono essere configurati in maniera diversa, volontariamente o casualmente, moltiplica questo fattore per due: MSC di transito nazionale e MSC ospitante estero.
    Detto ciò... se non ti funziona l'attivazione/disattivazione/interrogazione potrebbe essere qualcosa di filtrato dal MSC estero, poi magari all'interno dello stesso paese in una zona la rete si comporta in un modo, in un'altra zona si comporta diversamente per i motivi sopra descritti.
    Per quanto riguarda la modifica di quanto impostato senza che sia stata fatta una esplicita richiesta... può essere fatto sia dalla rete estera che dalla rete di casa (anche se quest'ultima ipotesi è più probabile), attualmente si può fare di tutto su HLR.
    Ogni situazione è un caso a se e andrebbe analizzata singolarmente, quello che posso dare abbastanza per certo è che se sto sotto msc estero, faccio un'interrogazione e mi dice che ho un Call Forwarding Unconditional verso +393xxyyyyyyy, se la chiamata immediatamente successiva non viene gestita a livello nazionale anche se ho il telefono acceso all'estero, il mio operatore di appartenenza mi sta fregando e l'operatore estero non c'entra nulla.

  9. #9

    Predefinito Riaddebito dei costi di localizzazione all'estero?

    Quando parto per l'estero attivo sempre il trasferimento incondizionato di tutte le chiamate (codice GSM **21*NUMERO#) verso un numero di rete fissa nazionale. Il dettaglio del traffico comprende quindi (giustamente) un addebito per ciascuna chiamata inoltrata.

    Tuttavia, nel dettaglio scorgo numerosi addebiti aggiuntivi, recanti la stessa ora e la stessa durata delle chiamate al fisso, ma con tipologia "Chiamate ricevute ed effettuate dall'estero", descrizione "In Zona UE", "Operatore utilizzato" e "Numero contattato" non specificati. La tariffazione: € 0,15 al minuto, conteggiata al secondo, nessun addebito alla risposta (una tariffa che non appare in nessun listino di Tre).

    Sono ancora in attesa di una risposta intelligente dal servizio clienti, ma da alcune prove emerge che gli addebiti appaiono unicamente quando la SIM è registrata presso un operatore estero nell'istante in cui viene inoltrata la chiamata (una prassi da me adottata per poter ricevere gli SMS all'estero).

    Come mai Tre coinvolge l'operatore telefonico estero per effettuare una semplice chiamata ad un fisso nazionale? Forse perché necessita i di dati di localizzazione da associare al cartellino? Il costo addebitato impropriamente proviene dal flusso dei dati di roaming? O si tratta banalmente solo di un errore nel programma di fatturazione?

    Grazie per i vostri commenti!

  10. #10
    Partecipante Logorroico
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Località
    Verona
    Messaggi
    2,300

    Predefinito

    Semplicemente perchè quando la sim è registrata sotto una rete ospite, tutti gli operatori, addebitano il trasferimento come se avvenisse sotto quella rete, la cosa è ingiusta, visto che la chiamata non ti raggiunge all'estero, nemmeno con gli squilli, però è cosi.
    Fa eccezzione il trasferimento incondizionato in segreteria, attivato prima di partire.
    Capire il perchè di quella tariffa è cosa assai più ardua (accordi tra operatori, tariffa UE ecc.).
    In questo modo spendi di più che a rispondere direttamente.
    L'addebito dovrebbe essere per ciascuna chiamata inoltrata, che ha ricevuto risposta.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Mondo3 Social